July 14th, 2011

cacke

[Tengen Toppa Gurren Lagann] Biliardo

Titolo: Biliardo
Autore: medesima sottoscritta.
Fandom: Tengen Toppa Gurren Lagann
Prompt: “biliardo” per l'iniziativa “un prompt al giorno” indetto da Fanworld
Parole: 1219
Genere: generale, introspettivo
Rating: verde
Personaggi: Viral, Lerron Littner
Avvertimenti: missing moments, oneshot
Note: Per questa oneshot mi è venuta una ispirazione improvvisa notando il prompt del giorno fornito dal sito Fanworld. Tra l'altro questa è la prima fanfiction che scrivo su Gurren Lagann e credo che non sarà l'ultima. Proprio perchè è la prima non credo di essere stata proprio il top del top nel trattare i personaggi, dunque mi rimetto al vostro giudizio. È una missing moments ambientata subito dopo la fine dell'ultimo episodio (giusto il giorno dopo). Buona lettura!


(Il gessetto ruotò veloce e agile sulla punta della lunga stecca da biliardo)
In my fandom slash writes itself

[Merlin] Il segreto di Merlin

Titolo: Il segreto di Merlin
Fandom: Merlin
Personaggi: Arthur Pendragon, Merlin Emrys
Pairing: nessuno, almeno che non volete vederci del pre-Arthur/Merlin
Rating: PG
Genere: generale, fluff, friendship
Avvertimenti: oneshot
Timeline: uhm... irrilevante, ma probabilmente si svolge meglio a inizio serie
Spoiler:  no one
Conteggio Parole: 884
Dedica: a me, che avevo bisogno di fluff, tanto fluff, e a mia moglia nessie_sun ♥, che ne ha tanto bisogno anche lei in questo momento, anche se non è niente di che... non so nemmeno se è tanto fluff. u_u Spero ti piaccia. ç__ç
Disclaimer: "Io scherzo... forse." (cit. A.Costa) // I personaggi non sono miei, ma degli autori e di chiunque ne abbia diritto; tanto meno sono utilizzati a fini di lucro, ma solo per mero piacere personale. 
Note: uhm... già detto che questa fic è stata scritta solo per il fluff? Sì? Bene, meglio ripeterlo. XD Ah. E il titolo fa schifo, lo so, ma non so fare di meglio. u_u
Oh, e non è betata... u_u''

Merlin era quasi meno efficiente del solito, questo Arthur non poteva non notarlo, ma non era l'unica cosa strana di cui si era accorto in quei giorni.