Consulting Criminal (Lady of The Nord) (nessie_sun) wrote in fanfic_italia,
Consulting Criminal (Lady of The Nord)
nessie_sun
fanfic_italia

[DO COMEçO AO FIM] - With you I'm born again

TITOLO: With you I’m born again
FANDOM: Do começo ao fim
PERSONAGGI: Thomas\Francisco
RATING: PG13
BETA: nessuno ;__; Segnalate eventuali  errori ^^
PROMPT: morsi @ bingo_italia 
PAROLE: 866 W
AVVERTIMENTI: incest, ovvero relazione esplicita tra fratelli ♥ E fluff, fluff da morire. Davvero, io vi ho avvisati.
DISCLAIMER: Thomas e Francisco non sono miei e io non ci guadagno un centesimo, ovviamente.
NOTE: è ambientata dopo il finale del film, ovvero la mattina dopo.

 

 

Thomas si sveglia lentamente perché percepisce qualcosa di caldo e umido che striscia contro la sua gamba destra, sussulta quando sente quel qualcosa penetrargli piano nella carne e, poi, ripetersi più volte, spostandosi sempre di più verso l’alto. Quando apre gli occhi, il sole tenue che ha iniziato a penetrare nella stanza illumina la testa di Francisco china su di lui. Thomas resta per un istante, il tempo che impiega per mettere a fuoco quell’immagine, immobile e col fiato sospeso, quasi fosse stato preso contropiede da quello che ha visto. Si lascia incantare dal modo in cui quella testa si muove e ondeggia, dalla sua semplice presenza in quella camera, temendo che si tratti di nuovo di uno di quei sogni che lo hanno tormentato negli ultimi mesi in cui il corpo di Francisco accanto al proprio non era niente di più di un frutto della sua immaginazione. Si riscuote nel momento in cui la bocca del fratello arriva all’altezza della sua coscia, dopo aver lasciato una sica di piccoli morsi nella sua carne, e Thomas inizia a ridacchiare e a contorcersi per il solletico che la barba e i denti di Francisco gli provocano in quella zona particolarmente sensibile.
“Ahahah. Dai Francisco, smettila.” lo implora, mentre ansima per le risate “Mi fai il solletico.”
Francisco solleva il capo, abbandonando momentaneamente la sua attività, e il fratello può vedere riflesso sul suo volto lo stesso sorriso felice e lo stesso sguardo appagato che sa ci sono anche sul proprio.
“Buon giorno, Tom Tom.” gli dice Francisco, muovendosi pigramente verso di lui e sporgendosi fino a ritrovarsi a pochi centimetri dal suo viso.
“Buon giorno.” ripete Thomas con la voce ancora un po’ rauca e impastata dal sonno.
E lo è davvero, un buon giorno. Lo è totalmente e assolutamente, quella mattina. Per la prima volta dopo così tanto tempo Thomas si sente di nuovo completo e leggero, col cuore che pompa vigoroso nel petto e l’impressione che non ci sia più niente che vada male. Stringe le braccia intorno alla schiena di suo fratello con forza per assicurarsi veramente di averlo lì, in quel letto, ed essere certo che quello che la sera precedente è apparso alla porta del proprio appartamento non era un’allucinazione o un’illusione. Francisco lo bacia, tenendo gli occhi fissi nei suoi, con la stessa intensità e lo stesso bisogno con cui l’ha baciato la notte passata mentre facevano l’amore, un bisogno e un’intensità centomila volte più accentuati del solito. Thomas passa una mano sulla tempia del fratello, lasciandola vagare tra i capelli corti dell’altro e fermandola, in fine, sotto al suo mento.
“Mhm… prima colazione o prima doccia?” indaga, continuando a sorridere. Non è una vera domanda perché Thomas sa benissimo quale sono le abitudini di suo fratello, sa perfettamente che preferisce prima fare la doccia e, solo dopo, sedersi a tavola e fare colazione con calma. Tuttavia, evidentemente è vero quello che si dice sull’apprezzare maggiormente le cose che si hanno nel momento in cui si perdono dato che gli sembra quasi incredibile essere tornato a dividere quella piccola quotidianità con suo fratello.
Francisco lo osserva per qualche secondo senza dire niente, scrutando lineamenti che conosce a memoria. Si chiede come abbia potuto pensare di fare a meno di quel viso, di come abbia potuto prendere seriamente in considerazione l’idea di andare avanti con Thomas, praticamente, dall’altra parte del mondo, come abbia fatto a non rendersi immediatamente conto che era semplicemente impossibile riuscire a vivere senza averlo vicino, come abbia fatto a non capire in che tipo di baratro buio e desolante sarebbe finito non potendolo toccare, accarezzare, baciare e respirare tutti i giorni. Sono tutte cose a cui sarebbe dovuto arrivare subito e non trascinarsi avanti in giornate tutte uguali e senza un vero senso fino al momento in cui raggiungerlo è diventato inevitabile, una questione di vita o di morte. La differenza tra respirare o restare sempre più a corto di fiato, fino a non averne più affatto.
All’improvviso, Francisco lo afferra per i fianchi e fa rotolare entrambi tra le lenzuola spiegazzate e aggrovigliate, andando a finire dalla parte opposta del letto e sistemandosi esattamente a cavalcioni del fratello. Thomas ricomincia a ridere, scarmigliato e affannato per quella mossa improvvisa, cercando di districarsi nel nodo impossibile di lenzuola e coperte che Francisco ha creato intorno a loro.
“Io penso” inizia il maggiore, mormorando le parole contro la guancia dell’altro “che sia la doccia che la colazione possano aspettare, per ora.”
Il tono di Francisco così malizioso e pieno di sottintesi che Thomas non ha bisogno di fare domande riguardo cosa l’altro preferisca fare al posto di doccia e colazione, soprattutto nel momento in cui la sua testa torna a chinarsi sul proprio corpo e Thomas può percepire, di nuovo, denti e lingua mordere, tirare, leccare e giocare con la propria pelle. Sta volta, la bocca di Francisco inizia da quella morbida del collo e prende a muoversi sempre più in basso, verso una meta che Thomas può immaginare benissimo, lasciandosi dietro una traccia di segni rossi.
Thomas chiude gli occhi e si abbandona a quella sensazione meravigliosa, la medesima che l’ha svegliato quella mattina, mentre il sole è oramai alto nel cielo.

 

Tags: autore: nessie_sun, do começo ao fim, fanfiction
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    Comments allowed for members only

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your IP address will be recorded 

  • 2 comments